L'Assemblea
Organo amministrazione
Collegio dei Sindaci
Statuto (pdf, 70 Kb)
Bilancio

frecciaBilancio di sosteniblità

frecciaSelezione del personale
Organizzazione
Gare ed Appalti
Partecipazioni
frecciaQualità
Modello 231
ContattiContatti
CONCORDATO
frecciaAutorizzazione Integrata Ambientale
frecciaAnticorruzione e Trasparenza
 

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

trasparenza

ALBO PRETORIO

albo
Back home
 

:: Gare ed Appalti

Pubblicazione
Oggetto
Scadenza
File
10/07/2017

PROCEDURA APERTA - FORNITURA DI SPAZZATRICE ASPIRANTE 4 MC PRESSO L'IMPIANTO DI CERMEC SPA UBICATO IN COMUNE DI MASSA, PROV. MASSA-CARRARA

Cig: 7135052F29

Il bando e i documenti di gara sono pubblicati nell'area "Albo Pretorio" (link sull'icona pdf a lato)

ATTENZIONE! AVVISO DI RETTIFICA
Per un mero errore materiale, i documenti di gara (Capitolato speciale e Disciplinare) contenevano alcuni refusi che sono stati corretti.
I concorrenti interessati sono pregati di prenderne visione, scaricando le revisioni corrette, nella quali viene data evidenza delle modifiche)

Sono pervenute a questa stazione appaltante richieste di chiarimenti e precisazioni ai documenti per la procedura in oggetto. Come previsto dal Codice dei Contratti i quesiti, unitamente alla risposta agli stessi, vengono pubblicati sul profilo committente.novità

QUESITO 1

  • Disciplinare di gara ART. 6 -5UBAPPAlTD, affermate che la società di leasing provvederà a corrispondere direttamente alla ditta aggiudicataria il corrispettivo dovuto per la fornitura effettuata ma, proseguendo all' ART. 14 -PAGAMENTI, affermate invece che il pagamento della fornitura verrà finanziato con risorse proprie, chiediamo quindi un chiarimento
Si conferma che la fornitura è finanziata con risorse proprie dell’Ente, come specificato anche nel bando, e che non si farà pertanto ricorso a strumenti finanziari. Il pagamento della fornitura avverrà quindi direttamente da parte della stazione appaltante, con i tempi e le modalità definite dall’art. 5 del CSA. Tutte le altre disposizioni contenute negli atti tutti di gara, che prevedano il ricorso a leasing devono quindi considerarsi inefficaci
  • Disciplinare di gara ART.3 - MODALITA' DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE, richiedete al punto 7. un fatturato medio annuo relativo agli ultimi tre esercizi (2012, 2013, 2014), ma gli ultimi tre esercizi partendo dalla data odierna sono 2014, 2015, 2016, la dicitura è presente anche nell'allegato 1, quale triennio dobbiamo prendere in considerazione?
Il periodo da prendere in considerazione è, secondo le espresse previsioni normative, quello degli “ultimi tre esercizi”. La parte tra parentesi, inserita unicamente quale nota non ha pertanto carattere normativo e, conseguentemente, gli esercizi a cui fare riferimento sono quelli 2014, 2015 e 2016.
  • A pag. 4 del disciplinare di gara, al punto A) CARATTERISTICHE TECNICHE C05TRUTIIVE E MATERIALI UTILIZZATI:MAX. PUNTI 50, avete corretto i punteggi nella relativa tabella per quanto riguarda la trasmissione e sterzo max S punti, ma gli stessi non sono stati modificati nell' allegato 2), chiediamo un chiarimento.
La determinazione dei criteri e pesi da attribuire alle diverse caratteristiche tecniche e costruttive dei mezzi offerti è stabilita dal punto citato del Disciplinare di gara, così come corretto e attualmente pubblicato. Il concorrente potrà conseguentemente modificare, integrandolo, l’allegato 2. Trattandosi di caratteristiche oggettive, il requisito sarà comunque verificabile da parte della commissione anche in sede di prova “sul campo” e per questo motivo non si ritiene necessario procedere alla modifica dell’allegato. Fermo restando che ai fini dell’attribuzione del punteggio avranno valore unicamente le disposizioni contenute nel testo del Disciplinare.

QUESITO 2

  • In riferimento alla gara in oggetto, si chiede  la possibilità di presentare la dichiarazione relativa all'art. 80 D.LGS 50/2016 mediante una sola autocertificazione sottoscritta dal ns legale rappresentante che dichiara in nome e per conto di tutti  i soggetti dell'art.80 (procuratori, organi di controllo, vigilanza, socio di maggioranza, ecc.).

In proposito si è pronunciato il Consiglio di Stato, Sez. III, che con sentenza del 01-07-2013, n. 3544 ha così deciso:  “In materia di gare pubbliche d'appalto la dichiarazione in ordine  all'insussistenza delle cause di esclusione di cui all'art. 38 d.lgs. n. 163 del 2006 (Codice degli appalti) può essere  resa da un unico legale rappresentante  dell'impresa concorrente con riferimento espresso anche agli altri soggetti nei  cui confronti il requisito va comprovato. Ma a condizione che dalla stessa  dichiarazione sia ricavabile l'indicazione analitica e nominativa dei predetti  altri soggetti, non solo per consentire alla stazione appaltante di compiere le  necessarie verifiche ma anche per l'assunzione di responsabilità del  dichiarante per il caso di non veridicità di quanto attestato. Infatti la  mancata indicazione dei nominativi dei soggetti diversi dal dichiarante  riguardo ai quali si attesta l'insussistenza di cause ostative sul piano della  moralità implica anche la mancata assunzione di responsabilità per il caso di  non veridicità della dichiarazione che rappresenta il "proprium" del  meccanismo dell'autocertificazione”.

Pertanto la risposta al quesito è positiva, purché vengano rispettate le condizioni indicate nella sopra citata sentenza.

QUESITO 3

  • Con riferimento alla gara in oggetto, Vi facciamo presente che al punto d) dell’art. 3 del Disciplinare di gara “Modalità di presentazione delle offerte” è richiesta la ricevuta del pagamento del contributo a favore dell’ANAC ma essendo l’importo a base d’asta al di sotto dei 150.000 euro, non è previsto alcun contributo. Vi chiediamo una precisazione al riguardo. Grazie.

Il citato punto del Disciplinare di gara testualmente recita: «d) ricevuta del versamento della contribuzione da effettuarsi a favore dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC), con le modalità di cui alla determinazione della stessa Autorità del 21/12/2011, e dell'importo dalla medesima determinato in relazione alla presente procedura. I concorrenti sono invitati a seguire dettagliatamente le istruzioni riportate nel citato avviso e le ulteriori istruzioni operative dell'Autorità per la vigilanza sui pubblici contratti reperibili sul sito www.avcp.it.»

È del tutto evidente che non avendo l’ANAC determinato, in virtù dell’importo posto a base d’asta, alcun contributo a carico del concorrente, lo stesso non deve (e del resto non può) essere versato e pertanto l’astratta previsione della norma del disciplinare (che prevede l’allegazione della relativa ricevuta) non è applicabile.

QUESITO 4

  • si richiede gentilmente di correggere l’allegato 2, conformemente alle variazioni di punteggio sul disciplinare
L'allegato 2, nella revisione coerente con le modifiche apportate al Disciplinare, può essere scaricato da questo sito. Per agevolare i concorrenti nella sua compilazione viene reso disponbile in formato compilabile (Excel XLS o in formato aperto ODS)
  • si chiede di confermare se viene richiesto come requisito minimo della macchina offerta un “Circuito di comando spazzole controrotante con comando, pressione e inclinazione indipendenti con sistema di blocco a porta aperta “ come indicato dall’art. 1, punto A. Caratteristiche minime richieste
Il requisito resta indicato come "Caratteristica minima richiesta": va però precisato che l'assenza nel mezzo offerto di tale singolo requisito non comporta l'automatica esclusione dell'offerta stessa dalla successiva fase di gara. Resta del tutto evidente che la Commissione Giudicatrice valuterà se la carenza di uno o più dei requisiti stessi renderà il mezzo proposto del tutto inidoneo alle necessità aziendali ovvero, nella fase di "prova pratica", attribuirà punteggi inferiroi in ragione di eventuali difformità dalle richieste della Stazione Appaltante.
  • si chiede di chiarire quali documenti devono essere inseriti nella busta “Offerta Tecnica”

Il disciplinare prevede che la "seconda busta, chiusa e controfirmata su tutti i lembi di chiusura, sulla quale dovrà essere apposta la dicitura "OFFERTA TECNICA", dovrà contenere, a pena d’esclusione, l'offerta redatta utilizzando l’allegata "scheda-offerta" (Allegato n° 2), sottoscritta dall'imprenditore o dal legale rappresentante della società, dell'ente cooperativo o del consorzio di cooperative, con firma leggibile e per esteso, con l'indicazione del luogo e della data di nascita del firmatario. L’offerta dovrà contenere tutti i dati per la corretta individuazione della ditta (denominazione, ragione sociale, sede, partita IVA e codice fiscale, nr. di telefono e fax ecc)".
Lo stesso diciplinare prevede poi che la stessa busta contenga:
A . Offerta tecnica
B. Valutazione prova pratica
C. Ampliamento del periodo di copertura della garanzia
Pur non essendo stato espressamente formulata nel quesito, si ritiene che la richiesta riguardi quanto indicato al punto B (Valutazione prova pratica": si precisa dunque che tale documento NON deve essere compliato e inserito nella busta, essendo la prova pratica da effettuarsi sul campo e la griglia di valutazione indicata nel disciplinare stesso non costituisce un domeunto la cui produzione sia richiesta ai concorrenti ma unicamente uno schema dei criteri predefinito per garantire trasparenza e massima oggettività nella valutazione.
Pertanto i concorrenti dovranno inserire nella detta busta "Offerta tecnica" unicamente i due documenti indicati alle lettere A e C (evidenziati in neretto): quanto al punto A utilizzando l'allegato 2 sopra indicato (e tutta l'eventuale documentazione integrativa che lo stesso concorrente riterrà utile produrre) e quanto al punto C la dichiarazione circa il prolungamento del periodo minimo di garanzia, oltre il minimo richiesto dalla stazione appaltante (24 mesi)

 

SCADUTA
Venerdì
28 luglio 2017
ore 12


 
27/04/2016

PROCEDURA APERTA - FORNITURA DI GASOLIO PER AUTOTRAZIONE PRESSO L'IMPIANTO DI CERMEC SPA UBICATO IN COMUNE DI MASSA, PROV. MASSA-CARRARA

Cig: 6654118FDE

Il bando e i documenti di gara sono pubblicati nell'area "Albo Pretorio" (link sull'icona pdf)

Il bando è stato altresì pubblicato sulla GU 5a Serie Speciale - Contratti Pubblici n.47 del 27-4-2016 e sul sito della Regione Toscana

SCADUTA
venerdì
27 MAGGIO 2016

AGGIUDICATA

 
06/05/2016

PROCEDURA APERTA - FORNITURA DI CARICATORE GOMMATO PER MOVIMENTAZIONE RIFIUTI PRESSO L'IMPIANTO DI CERMEC SPA UBICATO IN COMUNE DI MASSA, PROV. MASSA-CARRARA

Cig: 65997058D9

 

AVVISO DI AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA

Cermec – Consorzio Ecologia E Risorse di Massa e Carrara s.p.a. Via Longobarda 4 – 54100 Massa CF e P.Iva 00595760455

Fornitura di caricatore gommato per movimentazione rifiuti – CIG 65997058D9

importo a base di gara: 205.000 €

Bando pubblico per procedura aperta Pubblicazione GURI 5a Serie Speciale - Contratti Pubblici n. 51 del 06/05/2016 Osservatorio Regione Toscana Profilo committente della stazione appaltante

Aggiudicatario CGT – COMPAGNIA GENERALE TRATTORI S.P.A. Sede legale in Vercelli, via Torino n. 45, CF e P.Iva 01674190028

Mezzo offerto: Caricatore gommato per rifiuti CAT MH3022

Prezzo offerto in gara: € 195.000,00 (esclusa IVA), ribasso 4,88%

La procedura, come da capitolato speciale d’appalto e disciplinare di gara, è stata esperita secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa

Data di aggiudicazione: 28 ottobre 2016 (Det. Amministratore Unico N. 19/2016)

 

Il bando e i documenti di gara sono pubblicati nell'area "Albo Pretorio" (link sull'icona pdf)

Il bando è stato altresì pubblicato sulla GU 5a Serie Speciale - Contratti Pubblicin. 51 del 06/05/2016 e sul sito della Regione Toscana

Quesito 1
Sono a chiedere cortese conferma in merito alla procedura dell’avvalimento per la gara relativa ad un caricatore gommato ed una pala gommata per la CERMEC in quanto non ho trovato nessuna limitazione nei capitolati di gara.
Risposta
L’istituto dell’avvalimento, prima disciplinato dall’articolo 49 dell’abrogato D.Lgs. 163/2006, è oggi regolato dall’articolo 89 del D.Lgs 18-4-2016 n. 50 (Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture) pubblicato nella Gazz. Uff. 19 aprile 2016, n. 91, S.O.
Non è più possibile quindi, da parte della stazione appaltante, prevedere nel bando limitazioni se non quelle espressamente previste dalla nuova norma che, per comodità dei concorrenti, di seguito trascriviamo.
In sintesi, quindi, per le gare in corso, i concorrenti potranno soddisfare la richiesta relativa al possesso dei requisiti avvalendosi delle capacità di altri soggetti, con le forme e nei limiti previsti dal nuovo Codice.

D.Lgs 18-4-2016 n. 50 (Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture)
Art. 89  Avvalimento
1.  L'operatore economico, singolo o in raggruppamento di cui all'articolo 45, per un determinato appalto, può soddisfare la richiesta relativa al possesso dei requisiti di carattere economico, finanziario, tecnico e professionale di cui all'articolo 83, comma 1, lettere b) e c), necessari per partecipare ad una procedura di gara, e, in ogni caso, con esclusione dei requisiti di cui all'articolo 80, nonché il possesso dei requisiti di qualificazione di cui all'articolo 84, avvalendosi delle capacità di altri soggetti, anche di partecipanti al raggruppamento, a prescindere dalla natura giuridica dei suoi legami con questi ultimi. Per quanto riguarda i criteri relativi all'indicazione dei titoli di studio e professionali di cui all'allegato XVII, parte II, lettera f), o alle esperienze professionali pertinenti, gli operatori economici possono tuttavia avvalersi delle capacità di altri soggetti solo se questi ultimi eseguono direttamente i lavori o i servizi per cui tali capacità sono richieste. L'operatore economico che vuole avvalersi delle capacità di altri soggetti allega, oltre all'eventuale attestazione SOA dell'impresa ausiliaria, una dichiarazione sottoscritta dalla stessa attestante il possesso da parte di quest'ultima dei requisiti generali di cui all'articolo 80, nonché il possesso dei requisiti tecnici e delle risorse oggetto di avvalimento. L'operatore economico dimostra alla stazione appaltante che disporrà dei mezzi necessari mediante presentazione di una dichiarazione sottoscritta dall'impresa ausiliaria con cui quest'ultima si obbliga verso il concorrente e verso la stazione appaltante a mettere a disposizione per tutta la durata dell'appalto le risorse necessarie di cui è carente il concorrente. Nel caso di dichiarazioni mendaci, ferma restando l'applicazione dell'articolo 80, comma 12, nei confronti dei sottoscrittori, la stazione appaltante esclude il concorrente e escute la garanzia. Il concorrente allega, altresì, alla domanda di partecipazione in originale o copia autentica il contratto in virtù del quale l'impresa ausiliaria si obbliga nei confronti del concorrente a fornire i requisiti e a mettere a disposizione le risorse necessarie per tutta la durata dell'appalto.
2.  Nei settori speciali, se le norme e i criteri oggettivi per l'esclusione e la selezione degli operatori economici che richiedono di essere qualificati in un sistema di qualificazione comportano requisiti relativi alle capacità economiche e finanziarie dell'operatore economico o alle sue capacità tecniche e professionali, questi può avvalersi, se necessario, della capacità di altri soggetti, indipendentemente dalla natura giuridica dei legami con essi. Resta fermo quanto previsto dal comma 1, periodi secondo e terzo, da intendersi quest'ultimo riferito all'abito temporale di validità del sistema di qualificazione.
3.  La stazione appaltante verifica, conformemente agli articoli 85, 86 e 88, se i soggetti della cui capacità l'operatore economico intende avvalersi, soddisfano i pertinenti criteri di selezione o se sussistono motivi di esclusione ai sensi dell'articolo 80. Essa impone all'operatore economico di sostituire i soggetti che non soddisfano un pertinente criterio di selezione o per i quali sussistono motivi obbligatori di esclusione. Nel bando di gara possono essere altresì indicati i casi in cui l'operatore economico deve sostituire un soggetto per il quale sussistono motivi non obbligatori di esclusione, purché si tratti di requisiti tecnici.
4.  Nel caso di appalti di lavori, di appalti di servizi e operazioni di posa in opera o installazione nel quadro di un appalto di fornitura, le stazioni appaltanti possono prevedere nei documenti di gara che taluni compiti essenziali siano direttamente svolti dall'offerente o, nel caso di un'offerta presentata da un raggruppamento di operatori economici, da un partecipante al raggruppamento.
5.  Il concorrente e l'impresa ausiliaria sono responsabili in solido nei confronti della stazione appaltante in relazione alle prestazioni oggetto del contratto. Gli obblighi previsti dalla normativa antimafia a carico del concorrente si applicano anche nei confronti del soggetto ausiliario, in ragione dell'importo dell'appalto posto a base di gara.
6.  E' ammesso l'avvalimento di più imprese ausiliarie. L'ausiliario non può avvalersi a sua volta di altro soggetto.
7.  In relazione a ciascuna gara non è consentito, a pena di esclusione, che della stessa impresa ausiliaria si avvalga più di un concorrente, ovvero che partecipino sia l'impresa ausiliaria che quella che si avvale dei requisiti.
8.  Il contratto è in ogni caso eseguito dall'impresa che partecipa alla gara, alla quale è rilasciato il certificato di esecuzione, e l'impresa ausiliaria può assumere il ruolo di subappaltatore nei limiti dei requisiti prestati.
9.  In relazione a ciascun affidamento la stazione appaltante esegue in corso d'esecuzione le verifiche sostanziali circa l'effettivo possesso dei requisiti e delle risorse oggetto dell'avvalimento da parte dell'impresa ausiliaria, nonché l'effettivo impiego delle risorse medesime nell'esecuzione dell'appalto. A tal fine il responsabile unico del procedimento accerta in corso d'opera che le prestazioni oggetto di contratto sono svolte direttamente dalle risorse umane e strumentali dell'impresa ausiliaria che il titolare del contratto utilizza in adempimento degli obblighi derivanti dal contratto di avvalimento. Ha inoltre l'obbligo di inviare ad entrambe le parti del contratto di avvalimento le comunicazioni di cui all'articolo 52 e quelle inerenti all'esecuzione dei lavori. La stazione appaltante trasmette all'Autorità tutte le dichiarazioni di avvalimento, indicando altresì l'aggiudicatario, per l'esercizio della vigilanza, e per la prescritta pubblicità.
10.  L'avvalimento non è ammesso per soddisfare il requisito dell'iscrizione all'Albo nazionale dei gestori ambientali di cui all'articolo 212 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.
11.  Non è ammesso l'avvalimento qualora nell'oggetto dell'appalto o della concessione di lavori rientrino, oltre ai lavori prevalenti, opere per le quali sono necessari lavori o componenti di notevole contenuto tecnologico o di rilevante complessità tecnica, quali strutture, impianti e opere speciali. E’ considerato rilevante, ai fini della sussistenza dei presupposti di cui al primo periodo, che il valore dell’ opere superi il dieci per cento dell'importo totale dei lavori. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e trasporti, da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente codice, sentito il Consiglio superiore dei lavori pubblici, è definito l'elenco delle opere di cui al presente comma, nonché i requisiti di specializzazione richiesti per la loro esecuzione, che possono essere periodicamente revisionati. Fino alla data di entrata in vigore di detto decreto, si applica l'articolo 216, comma 15.

Quesito 2
Requisiti di ordine tecnico/professionale Art.3 – lett. A – punto 8: “… di aver eseguito nel triennio 2012-2013-2014, forniture analoghe a quelle oggetto della gara, per un importo medio annuo, al netto di IVA, non inferiore all’importo a base d’asta”: La ns. società è distributore ufficiale dei prodotti ***************, relativi all’oggetto della procedura di gara, dal *********. Nel triennio richiesto (2012-2013-2014) abbiamo, tuttavia, eseguito forniture di prodotti analoghi quali Escavatori gommati. Si richiede di ritenere accettabili, quale comprova del requisito richiesto, le forniture di tali mezzi (escavatori gommati).
Se ciò non fosse da Voi accettato si richiede la possibilità di prendere in considerazione l’anno 2015 per la dimostrazione del requisito richiesto.Risposta
Il requisito di cui all’art 3 lett a punto 8 del documento di gara, relativo all’affidabilità tecnica ed economica del fornitore, fa riferimento a “forniture analoghe”. Si ritiene quindi che le forniture di altri mezzi d’opera, per l’appunto “analoghi” (quali gli escavatori) possa essere ricompresa in tali fattispecie

Quesito 3
Capitolato tecnico- Art.01 – A): portata indicativa a circa 9 metri di sbraccio (posizione frontale) kg. Minimo 2500: si richiede di specificare se la portata richiesta è relativa alla macchina stabilizzata
Risposta
il requisito è “indicativo” e si riferisce al mezzo in posizione frontale. Sarà cura quindi del partecipante alla gara indicare le singole variazioni di tale dato nelle diverse condizioni operative. Si veda inoltre il punto successivo

Quesito 4
Carro: la macchina che avremmo intenzione di offrire è dotata di assale posteriore oscillante. Si richiede di ritenere accettabile tale caratteristica.
Risposta
i documenti di gara fissano le caratteristiche ritenute quali requisiti minimi per la corretta operatività del mezzo. Come specificato nel disciplinare, tuttavia, non saranno preventivamente escluse le offerte per mezzi parzialmente difformi: lo scostamento dai requisiti indicati negli stessi documenti potrà essere valutata dalla commissione tecnica sulla base dei criteri indicati nel disciplinare e, eventualmente – ove ritenuto necessario – anche mediante una prova in campo, stante la nota al punto A del disciplinare di gara laddove si evidenzia come “la stazione appaltante, in caso di necessità per una migliore valutazione sulle caratteristiche tecniche, si riserva di chiedere al partecipante di mettere a disposizione, a propria cura e spese, un mezzo con identiche caratteristiche di quelle offerto, presso gli impianti aziendali di Massa, via Dorsale, per una prova in campo”.

Quesito 5
Firma del contratto: si richiede copia della bozza di contratto che l’aggiudicatario sarà tenuto a firmare;
Risposta
il contratto da stipularsi sarà conforme alle disposizioni contenute nel capitolato e nel disciplinare di gara oltre che nel D.Lgs. 50/2016

Quesito 6
Sono a richiedervi una delucidazione sul vs. bando di gara per : FORNITURA DI UN CARICATORE GOMMATO PER RIFIUTI
In particolare, è possibile sapere le ore presunte annue di utilizzo?

Risposta
Le ore medie lavorate annue ammontano a circa 1700 ore

Quesito 7
Si richiede se in riferimento all’ALLEGATO N.3 “SCHEDA – OFFERTA ECONOMICA”, la dicitura “RIBASSO PERCENTUALE SUL PREZZO OFFERTO IVA ESCLUSA” sia da intendersi “RIBASSO PERCENTUALE SUL PREZZO POSTO A BASE DI GARA IVA ESCLUSA"
Risposta
La risposta è affermativa. L'interpretazione corretta è per l'appunto “RIBASSO PERCENTUALE SUL PREZZO POSTO A BASE DI GARA IVA ESCLUSA"

Quesito 8
Si richiede dove mettere la marca da bollo da 16,00 € richiesta in entrambe le procedure di cui in oggetto. La domanda sovviene poichè da disciplinare sembra che la marca da bollo da 16,00 euro vada messa sull'All.to 3 - Offerta economica (".......dicitura "OFFERTA ECONOMICA", dovrà contenere, a pena d’esclusione, l'offerta economica in competente bollo, redatta utilizzando l’allegata "scheda-offerta" (Allegato n° 3)..." mentre leggendo gli allegati sembra vada messo nell'All.to 1(v. ultima pagina dell'All.to 1 dove, sotto le firme, è riportato "Marca da bollo da Euro 16,00")"
Risposta
La marca da bollo deve essere apposta nell'allegato 1

SCADUTA
venerdì
17 GIUGNO 2016

AGGIUDICATA

 
06/05/2016

PROCEDURA APERTA - FORNITURA DI PALA MECCANICA PER MOVIMENTAZIONE RIFIUTI CON PERMUTA DI PALA USATA PRESSO L'IMPIANTO DI CERMEC SPA UBICATO IN COMUNE DI MASSA, PROV. MASSA-CARRARAnovità

Cig: 66540854A6

 

AVVISO DI AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA

Cermec – Consorzio Ecologia E Risorse di Massa e Carrara s.p.a.
Via Longobarda 4 – 54100 Massa
CF e P.Iva 00595760455

Fornitura di pala meccanica per movimentazione rifiuti – CIG 66540854A6
Importo a base di gara: 150.000 €

Bando pubblico per procedura aperta
Pubblicazione GURI 5a Serie Speciale - Contratti Pubblici n. 51 del 06/05/2016
Pubblicazione su profilo committente della stazione appaltante

Aggiudicatario
CGT –COMPAGNIA GENERALE TRATTORI S.P.A.
Sede legale in Vercelli, via Torino n. 45, CF e P.Iva 01674190028
Mezzo offerto:  pala meccanica CAT 938M per movimentazione rifiuti
Prezzo offerto in gara: € 145.000,00
Ribasso percentuale: 3,333%
La procedura, come da capitolato speciale d’appalto e disciplinare di gara, è stata esperita secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa

Data di aggiudicazione: 28 ottobre 2016 (Det. Amministratore Unico N.20/2016)

 

Il bando e i documenti di gara sono pubblicati nell'area "Albo Pretorio" (link sull'icona pdf)

Il bando è stato altresì pubblicato sulla GU 5a Serie Speciale - Contratti Pubblici n. 51 del 06/05/2016 e sul sito della Regione Toscana

Quesito 1
Sono a chiedere cortese conferma in merito alla procedura dell’avvalimento per la gara relativa ad un caricatore gommato ed una pala gommata per la CERMEC in quanto non ho trovato nessuna limitazione nei capitolati di gara.
Risposta
L’istituto dell’avvalimento, prima disciplinato dall’articolo 49 dell’abrogato D.Lgs. 163/2006, è oggi regolato dall’articolo 89 del D.Lgs 18-4-2016 n. 50 (Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture) pubblicato nella Gazz. Uff. 19 aprile 2016, n. 91, S.O.
Non è più possibile quindi, da parte della stazione appaltante, prevedere nel bando limitazioni se non quelle espressamente previste dalla nuova norma che, per comodità dei concorrenti, di seguito trascriviamo.
In sintesi, quindi, per le gare in corso, i concorrenti potranno soddisfare la richiesta relativa al possesso dei requisiti avvalendosi delle capacità di altri soggetti, con le forme e nei limiti previsti dal nuovo Codice.

(Per il testo dell'art. 89 vedi sopra)

Quesito 2
Materiale che i mezzi andranno a movimentare: si richiede di indicare il peso specifico del materiale che i mezzi andranno a movimentare;
Risposta
Come specificato nei documenti di gara la pala sarà destinata alla movimentazione delle diverse tipologie di rifiuti urbani conferibili presso gli impianti aziendali. Tali materiali hanno natura disomogenea e, conseguentemente, diversi pesi specifici: si tenga comunque presente che si tratta di rifiuti urbani indifferenziati o rifiuti organici domestici provenienti da raccolta differenziata, scarti e sopravaglio (frazione secca) ovvero sottovaglio (frazione umida) derivanti da operazioni di tritovagliatura degli stessi rifiuti; rifiuti di natura lignocellulosica (verde, sfalci e potature) o imballaggi in legno; rifiuti derivanti dalle raccolte differenziate di imballaggi plastici (bottiglie, flaconi etc); rifiuti metallici (imballaggi, lattine etc) derivanti dalle operazioni di deferrizzazione effettuate sui rifiuti a valle del trattamento primario di tritovagliatura

Quesito 3
Altezza di scarico: l’altezza di scarico richiesta (“.non inferiore a 3900 mm.”) prevede presumibilmente l’utilizzo di benna ad alto ribaltamento. Si richiede di confermare.
Risposta
il requisito di 3900 mm fa riferimento all’altezza al perno della benna al massimo sbraccio. La benna deve intendersi come benna standard e non quindi quale benna ad alto ribaltamento

Quesito 4
Attrezzatura: Si richiede di specificare le caratteristiche richieste della benna “multiuso”.
Risposta
Il CSA specifica che tale benna, di capacità minima di 2,7 m3, dovrà essere fornita con denti e lama antiusura non sovrapposti

Quesito 5
Firma del contratto: si richiede copia della bozza di contratto che l’aggiudicatario sarà tenuto a firmare;
Risposta
il contratto da stipularsi sarà conforme alle disposizioni contenute nel capitolato e nel disciplinare di gara oltre che nel D.Lgs. 50/2016

Quesito 6
Si richiede dove mettere la marca da bollo da 16,00 € richiesta in entrambe le procedure di cui in oggetto. La domanda sovviene poichè da disciplinare sembra che la marca da bollo da 16,00 euro vada messa sull'All.to 3 - Offerta economica (".......dicitura "OFFERTA ECONOMICA", dovrà contenere, a pena d’esclusione, l'offerta economica in competente bollo, redatta utilizzando l’allegata "scheda-offerta" (Allegato n° 3)..." mentre leggendo gli allegati sembra vada messo nell'All.to 1(v. ultima pagina dell'All.to 1 dove, sotto le firme, è riportato "Marca da bollo da Euro 16,00")"
Risposta
La marca da bollo deve essere apposta nell'allegato 1

Quesito 7
Il plico entro il quale devono essere inserite le tre buste (documenti, offerta tecnica e offerta economica) deve essere SIGILLATO: possiamo utilizzare il timbro aziendale sui lembi della busta?
Risposta
Sì, è sufficiente l’utilizzo di nastro adesivo e timbro. Non è richiesto il sigillo in ceralacca

Quesito 8
La nostra azienda è nata a marzo 2015, quindi non abbiamo i tre anni di esercizio richiesti (2012-2013-2014), ne abbiamo uno (solare) sul quale possiamo dare i dati: possiamo partecipare ugualmente?
Risposta
Sì, potete partecipare dimostrando l’affidabilità economica anche con un solo esercizio, purché vengano soddisfatti i requisiti di cui al punto 7. (“di possedere un fatturato medio annuo, relativamente agli ultimi tre esercizi non inferiore a 2 volte quello relativo alla fornitura posto a base di gara) e  8. (di aver eseguito nel triennio 2012-2013-2014, forniture analoghe a quelle oggetto della gara, per un importo medio annuo, al netto dell’IVA, non inferiore all’importo a base d’asta)

Quesito 9
Quali sono i dati per la cauzione e per la fidejussione? Avete un testo specifico, oppure possiamo procedere con quello standard della nostra banca?
Risposta
Per la cauzione è idonea la forma standard purché contenga gli impegni specificati nel Disciplinare di Gara (“Le fidejussioni bancarie e le polizze assicurative dovranno prevedere espressamente, pena l’esclusione, la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la sua operatività entro 15 giorni a semplice richiesta scritta della amministrazione aggiudicatrice e contenere l’impegno a rilasciare la garanzia definitiva qualora l’offerente risultasse aggiudicatario”)

Quesito 10
Il valore della permuta va tolto dalla base d’asta nel momento della calcolazione dell’offerta economica per la pala nuova, che quindi non potrà essere superiore a Euro 125.000,00 + IVA, compresi oneri di trasporto e simili. Corretto?
Risposta
Si riporta quanto scritto nel disciplinare:
«L’importo dell’affidamento è pari ad € 150.000,00 (euro centocinquantamila/00) oltre IVA di legge.
Il prezzo della fornitura offerto è fisso e invariabile e si intende al netto del ribasso percentuale, dal quale andrà poi sottratto il valore di permuta del mezzo usato, comprensivo di tutte le spese relative al trasporto, alla consegna ed ogni altro onere per la fornitura come meglio specificato nel Capitolato oltre che delle spese di ritiro e passaggio di proprietà della pala usata».
Pertanto l’offerta dovrà essere formulata quale ribasso sulla base d’asta (=150.000 €, meno il ribasso d’asta). L’importo così risultante costituirà il valore della fornitura.
In sede di pagamento, quindi, la fattura per la fornitura dovrà essere così determinata, sulla base del valore determinato dal ribasso offerto rispetto alla base di gara. Cermec provvederà quindi all’emissione della fattura per la permuta del bene usato (che resterà determinata in misura fissa in € 25.000) con compensazione delle partite (come previsto dall’art. 5 del CSA).
Esempio: base d’asta 150.000 €
Offerta in sede di gara: ribasso del X%
Valore della fornitura: 150.000 € – X% (fattura fornitore)
Valore della permuta: 25.000 € (fattura Cermec)
Importo da versarsi al fornitore= (150.000 € – X%)- 25.000 €

 

SCADUTA
venerdì
17 GIUGNO 2016

AGGIUDICATA

 
  NOTA BENE: Per evitare lo spamming, gli indirizzi e-mail sono nel formato nome(at)dominio. Al momento dell'invio sostituire (at) con il simbolo grafico @